venerdì, luglio 13, 2018

Passato e futuro

Immagini che valgono più di mille parole.


Il Passato, la nazionale di un piccolo Paese europeo, la Croazia


Il Futuro, la rappresentativa di un grande Paese europeo
gruppo di persone, la Francia Cuckoldia centro-occidentale

L'umanità si divide in due, quelli che parteggiano per il piccolo Paese di quattro milioni di abitanti e quelli che non vedono l'ora che spariscano Stati e Nazioni, che si sentono rappresentati dai "nuovi Europei", che sognano il "meticciato", quelli che io chiamerei "xenofili" ma qualcun altro ha meglio definito come "i cuckold".

Io per chi posso parteggiare? Per la nazionale croata o per la rappresentativa dei cuckold? Chissà...

Intanto, visto che l'Italia la Cuckoldia sud-orientale non si è nemmeno qualificata per i mondiali, qualche cuckold dice che è per via della mancata approvazione dello Jus Soli, grazie ai Croati per avere dimostrato che tra noi e loro la differenza è nei coglioni, che loro conservano e che noi non abbiamo più, perché tanto c'è altra gente che fa le cose che noi non vogliamo fare.

8 commenti:

  1. Quando a metà degli anni 90 ci fu la guerra in ex Jugoslavia, arrivarono in Italia VERI profughi.

    Una coppia lavorò per una stagione a fare pulizie a casa di una mia nonna anziana.
    Poi se ne tornarono al loro paese. Da quello che mi risulta dalla letteratura di viaggio, tutti quei vari popoli ex Jugoslavia hanno ricostruito e avviato pacificazione. Rimboccandosi le maniche e lavorando dignitosamente.

    Ecco cosa mi piace di loro: la dignità.

    Viva la nazionale croata.

    RispondiElimina
  2. Anch'io tifo Croazia!!!!

    (...io, ormai dall'Asia...)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa che sono in trasferta fino a domani... nella prima capitale dell'impero ottomano (la prima, non quella stra-nota).

      I genitori delle altre bimbe mi dicono "C'è pieno di arabi!!!" ed è vero: un sacco di turisti sauditi, le donne tutte con il velo nero a coprire il viso, lasciando in vista solo gli occhi... devi vederle mangiare. Mettono la forchetta con il cibo sotto il velo che copre la bocca. Disumano.

      In giro c'è penso una metà delle donne con il velo (velo turco, non arabo) e l'altra metà come me (maglietta a maniche corte, scollata il giusto, capelli al vento).

      Nella moschea principale (Ulucami) le donne entravano e lì, dentro, si mettevano il velo se non lo avevano. C'erano anche vestiti a disposizione per coprire le braccia. Ma, devo dire, molte ragazze avevano il velo ma le maniche corte. Mi ha fatto una bella impressione osservare questa scena.

      Invece, nelle moschee più piccole e storiche, credo le donne preghino fuori, in una parte separata.

      Però, il posto dove sto io sembra un attimino più moderno di questo. Anche se questo è più verde, di sicuro.

      Elimina
  3. Abbattere muri, costruire ponti.
    Ma questi qua - presidenti, papa, preti, politici, giornalisti, re e regine, sinistrume e buonisti vari - non ci stanno forse proponendo di distruggere le nostre case? Le case sono fatte di muri o di altro materiale per proteggerci (dalle intemperie, dai ladri, per stare tranquilli, sentirci un po' bene). Forse la casa è l'ultimo sancta sanctorum della gente. Lo zerbino davanti alla porta non serve tanto per pulirsi le suole delle scarpe, ma indica un limite, è una soglia che si può varcare solo con il permesso del padrone di casa. La stessa cosa si può dire più o meno dei confini di un paese, sempre difesi in passato e tuttora - almeno sulla carta - sacrosanti (quante storie per qualche centimetro quadrato da cedere o da accaparrarsi). I limiti sono una buona cosa, il recinto del giardino evita eterne discussioni col vicino. Il recinto permette una serena convivenza.
    Ma questo è il passato, ci dicono. Ora tutto è di tutti e ciò ci arricchirà. Abbasso i limiti, di qualsiasi genere. Oggi sono uomo, domani donna, che bello.
    Con la definitiva scomparsa del contante (già realizzata in Svezia e Danimarca, paesi notoriamente più civili del nostro sud) l'abbattimento almeno virtuale dei muri delle nostre case sarà uno scherzo. Clic, clic, e il tuo conto è azzerato o ridotto. La prova l'hanno già fatta a Cipro, è riuscita alla grande. Giuliano Amato lo fece anche lui ma in piccolo trent'anni fa. A quel punto i muri delle nostre case saranno solo simbolici, proteggeranno la nostra miseria.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me non hai capito che è già accaduto, devi coniugare tutti i verbi al passato.

      Elimina